Piadina romagnola, la ricetta della tradizione

“La pida se parsot la pis un po’ ma tot” questo è uno dei tanti detti sulla piadina romagnola.

Da ‘zdora provetta, oggi vorrei insegnarvi come riproporre questo fantastico piatto anche nelle vostre case. Prima di iniziare, vorrei spendere due parole sulla scelta della spianatoia e del mattarello, non lesinate sulla qualità! Mi spiego, le vere sfogline usano mattarelli anche di 1 metro e spianatoie lunghe 2, quindi (spazi permettendo) cercate sempre di lavorare nel grande e preferite sempre e solo legno di qualità. Plastica e siliconi sono più igienici, per chi “non è troppo attento in cucina”, ma non conferiranno mai la stessa porosità e rugosità all’impasto.

Detto ciò, vediamo come preparare la piadina che ha reso la Romagna famosissima in tutto il mondo. Gli ingredienti sono pochi e, come spesso succede per i grandi piatti, sono di origine umile: farina, strutto e sale.

img_0062

Ingredienti per 4 piadine:

  • 250 g di farina 0,
  • 70 g di strutto,
  • sale di Cervia,
  • un pizzico di bicarbonato,
  • acqua tiepida
Su una spianatoia impastate la farina con lo strutto. Quando l’impasto risulterà grumoso come quello di una pasta frolla, aggiungete un pizzico di sale, il bicarbonato e a poco a poco l’acqua (quanto basta per far sì che l’impasto si compatti).

Impastate a mano per una decina di minuti, dopodiché formate una palla, copritela con della pellicola e lasciatela riposare a temperatura ambiente per almeno un’ora.

Trascorso il tempo, dividete l’impasto in 4 parti uguali. Con l’aiuto di un mattarello stendete le piadine dello spessore che preferite. Io le adoro più paffute e spesse, circa 3 mm.

Scaldate una piastra liscia di ghisa o di ferro sul fuoco e solo quando sarà rovente cuocete le piadine 1 o 2 minuti per lato.

Se le piadine dovessero gonfiarsi, bucatele coi rebbi di una forchetta. Servitele subito calde accompagnate da affettati e formaggi. Bon appétit!

Conservazione. Potete congelare le piadine una volta cotte. E successivamente scaldarle al forno o in padella per una manciata di minuti.

Published by

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...